Decreto Crescita, fondi per efficientamento energetico e sviluppo sostenibile

Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, dal 1° maggio è entrato in vigore il cosiddetto Decreto Crescita. Il D.L. 34/2019 contiene misure urgenti in materia di crescita economica e per la risoluzione di specifiche situazioni di crisi. Tra i punti più importanti del provvedimento c’è lo stanziamento di 500 milioni ai Comuni per interventi di efficientamento energetico e sviluppo sostenibile.

I dettagli del Decreto Crescita

Il già richiamato articolo del decreto dispone che, entro venti giorni dalla sua entrata in vigore, un apposito decreto del Ministero dello Sviluppo Economico assegni i contributi previsti in favore dei Comuni. Per l’anno 2019, il limite massimo indicato è di 500 milioni di euro a valere sul Fondo Sviluppo e Coesione (FSC) per la realizzazione di progetti relativi a investimenti nel campo dell’efficientamento energetico e dello sviluppo sostenibile.

Il contributo viene attribuito a ciascun Comune sulla base della popolazione residente alla data del 1° gennaio 2018, così come indicato in tabella:

Popolazione residente (abitanti) Contributo
Inferiore o uguale a 5.000 50.000 €
Tra 5.001 e 10.000 70.000 €
Tra 10.001 e 20.000 90.000 €
Tra 20.001 e 50.000 130.000 €
Tra 50.001 e 100.000 170.000 €
Tra 100.001 e 250.000 210.000 €
Oltre i 250.000 250.000 €

Opere interessate dai contributi

Il Decreto Crescita precisa anche quali interventi pubblici possono accedere a tali fondi. Nel dettaglio, vengono assegnati contributi per opere di efficientamento energetico, comprese quelle di efficientamento del’illuminazione pubblica e di risparmio energetico per gli edifici di proprietà pubblica, nonché per interventi di installazione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili.

Per quanto concerne i finanziamenti destinati a interventi di sviluppo territoriale sostenibile, sono compresi quelli in materia di mobilità sostenibile, di adeguamento e messa in sicurezza di scuole, edifici pubblici e patrimonio comunale e per l’abbattimento di barriere architettoniche.

Condizioni di accesso

Attraverso queste sovvenzioni, i Comuni possono decidere di finanziare uno o più progetti. Per accedere ai contributi, bisogna tuttavia soddisfare le seguenti condizioni:

  • le opere non devono risultare già destinatarie di fondi pubblici o privati, nazionali, regionali, provinciali o strutturali di investimento europeo;
  • tali interventi devono essere aggiuntivi rispetto a quelli già programmati sulla base di stanziamenti contenuti nel bilancio di previsione dell’anno 2019;
  • l’esecuzione dei lavori deve iniziare entro il 31 ottobre 2019.

Altri provvedimenti del Decreto Crescita

All’interno del Decreto Crescita troviamo anche voci relative a incentivi per la valorizzazione edilizia e al sisma bonus.

Per le prime, l’articolo 7 prevede l’applicazione dell’imposta di registro e le imposte ipotecaria e catastale nella misura fissa di 200 euro ciascuna. Tale disposizione si riferisce ai trasferimenti di interi fabbricati, a favore di imprese di costruzione o di ristrutturazione immobiliare che, entro i successivi dieci anni, provvedano alla demolizione e ricostruzione degli stessi, conformemente alla normativa antisismica e con il conseguimento della classe energetica A o B, anche con variazione volumetrica e all’alienazione degli stessi.

Riguardo il sisma bonus, nel caso di interventi di riduzione del rischio sismico, la detrazione per le zone classificate a rischio sismico 1 (o l’eventuale cessione del credito d’imposta alle imprese che effettuano i lavori) viene estesa anche per quelle a rischio sismico 2 e 3.

Infine, la disciplina degli incentivi per interventi di efficienza energetica e rischio sismico viene implementata con la possibilità di convertire le detrazioni in uno sconto sul corrispettivo dovuto, per un contributo pari all’ammontare, e anticipato dal fornitore che ha effettuato gli interventi e a quest’ultimo rimborsato sotto forma di credito d’imposta da utilizzare esclusivamente in compensazione.

Detrazioni fiscali: gli interventi ammessi

Nella guida pubblicata dall’Agenzia delle Entrate relativa alle detrazioni fiscali per il risparmio energetico, oltre alle misure previste, sono indicati anche i lavori interessati da tali agevolazioni.  Le opere riguardano la riqualificazione energetica di edifici esistenti e più in generale gli interventi su involucri, l’installazione di pannelli e schermature solari, la sostituzione di impianti di climatizzazione, i generatori alimentati a biomasse e i dispositivi multimediali.

Riqualificazione energetica di edifici esistenti

Il valore massimo delle detrazioni fiscali è, in questo caso, di 100.000 euro. Nel caso dei condomini, l’agevolazione è tuttavia riferita all’intero edificio e va quindi ripartita fra i soggetti interessati.

Non essendo stabiliti dettagli sulle opere da realizzare, l’accesso al beneficio fiscale include qualsiasi intervento incida sull’indice di prestazione energetica dell’intero edificio.

L’indice è elaborato in funzione della categoria di classificazione dell’edificio, della zona climatica in cui è situato e del suo rapporto di forma. Va sottolineato, inoltre, che l’indice di risparmio necessario può essere conseguito anche mediante la realizzazione degli altri interventi agevolati.

Interventi sugli involucri

Per questo tipo di interventi, il valore massimo della detrazione è di 60.000 euro. Si può accedere a tale agevolazione attraverso lavori su edifici esistenti, parti di essi o unità immobiliari esistenti, oltre a quelli relativi a coperture, pavimenti e pareti.

Rientrano poi in questo gruppo anche interventi riguardanti finestre comprensive di infissi e la sostituzione dei portoni d’ingresso, purché rispettino i requisiti di trasmittanza termica previsti.

Le detrazioni fiscali previste sono però applicabili solo nei casi in cui gli involucri da rifare o gli infissi da sostituire non siano già conformi agli indici richiesti. In tal caso, è dunque necessario che, a seguito dei lavori, gli indici di trasmittanza termica si riducano ulteriormente.

Installazione di pannelli e schermature solari

La detrazione fiscale per tali interventi è di 60.000 euro. Per interventi di installazione di pannelli solari si intende l’installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda, in edifici già esistenti, per uso domestico o industriale e in ambito commerciale, ricreativo o socio assistenziale.

Sono ammesse a detrazione anche i sistemi termodinamici a concentrazione solare utilizzati per la sola produzione di acqua calda. Invece, nel caso di sistema termodinamico finalizzato alla produzione combinata di energia elettrica e termica, oggetto di detrazione sono soltanto le spese sostenute per la parte riferibile alla produzione di energia termica.

Infine, per l’acquisto e posa in opera delle schermature solari, alle agevolazioni accedono solamente quelle che possiedono, se prevista, una marcatura CE. Inoltre, tra i requisiti tecnici, è previsto il rispetto di leggi e normative nazionali e locali in tema di sicurezza e di efficienza energetica.

Sostituzione di impianti di climatizzazione invernale

Il valore massimo delle detrazioni fiscali per tali lavori è di 30.000 euro. Accedono ai benefici gli interventi di sostituzione, integrale o parziale, di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione ad aria o ad acqua. Condizione necessaria è che le caldaie abbiano un’efficienza media stagionale tale da appartenere alla classe A di prodotto. In più, la detrazione passa dal 50 al 65% nel caso in cui siano anche dotate di sistemi di termoregolazione evoluti.

Inoltre, rientra nelle detrazioni anche la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con pompe di calore ad alta efficienza e con impianti geotermici a bassa entalpia e contestuale messa a punto del sistema di distribuzione realizzata.

Oggetto delle detrazioni sono, infine, le spese per interventi di sostituzione di scaldacqua tradizionali con scaldacqua a pompa di calore dedicati alla produzione di acqua calda sanitaria. L’accesso a questo tipo di detrazione è condizionato alla garanzia che le pompe di calore abbiano un coefficiente di prestazione maggiore di 2,6.

Non è agevolabile, invece, l’installazione di sistemi di climatizzazione in edifici che ne erano precedentemente sprovvisti. L’unica eccezione a questo impedimento è rappresentata dall’installazione dei generatori alimentati a biomassa.

Generatori di calore alimentati da biomasse combustibili

Nel caso di acquisto e posa in opera di impianti di climatizzazione invernale dotati di generatori di calore alimentati da biomasse combustibili, è prevista una detrazione massima di 30.000 euro per le spese sostenute tra il 1 gennaio 2015 e il 31 dicembre 2019.

L’agevolazione riguarda sia interventi di sostituzione totale o parziale dei vecchi generatori termici, sia le nuove installazioni su edifici esistenti.

Dispositivi multimediali

Detrazione pari al 65% dell’intero importo spetta, poi, per le spese sostenute per l’acquisto, l’installazione e la messa in opera di dispositivi multimediali per il controllo a distanza degli impianti di riscaldamento, produzione di acqua calda o climatizzazione delle unità abitative, finalizzati ad aumentare la consapevolezza dei consumi energetici da parte degli utenti e a garantire un funzionamento più efficiente degli impianti.

Rientrano nelle detrazioni fiscali anche le opere necessarie per l’installazione e la messa in funzione di sistemi di building automation degli impianti termici degli edifici. Non sono invece agevolabili le spese per l’acquisto di dispositivi che interagiscono a distanza con le predette apparecchiature.

Detrazioni fiscali 2019 per il risparmio energetico

Come ogni anno, l’Agenzia delle Entrate ha diffuso la propria guida alle agevolazioni fiscali per il risparmio energetico. Le detrazioni variano dal 50 al 65 per cento, fino ad arrivare al 75% per i condomini e all’85% per la riduzione del rischio sismico.

Conferme nella Legge di Bilancio

L’ultima Finanziaria ha prorogato al 2019 le novità introdotte nell’anno precedente. Vengono confermate le detrazioni fiscali (dall’Irpef e dall’Ires) per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici.

Inoltre, non ci sono state modifiche alle novità introdotte nell’anno precedente. Pertanto, rimangono confermate le misure delle detrazioni per interventi che aumentano il livello di efficienza energetica degli edifici. In particolar modo, le agevolazioni vengono riconosciute nel caso di spese sostenute per:

  • la riduzione del fabbisogno energetico per il riscaldamento
  • il miglioramento termico dell’edificio (coibentazioni, pavimenti, finestre comprensive di infissi)
  • l’installazione di pannelli solari
  • la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale.

Percentuali delle detrazioni

La misura delle detrazioni varia a seconda dell’anno e della tipologia di intervento, ossia se esso riguarda la singola unità immobiliare o gli edifici condominiali.

Nel dettaglio, le detrazioni sono le seguenti:

  • 55% delle spese sostenute fino al 5 giugno 2013
  • 65% delle spese sostenute dal 6 giugno 2013 per interventi sulle singole unità immobiliari e sulle parti comuni degli edifici condominiali. Tale detrazione si riduce al 50% per le spese sostenute dal 1° gennaio 2018 per interventi di acquisto e posa in opera di schermature solari e finestre comprensive di infissi. La riduzione si applica anche alle spese per la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di generatori di calore alimentati a biomasse combustibili o con impianti dotati di caldaie a condensazione almeno di classe A (in quest’ultimo caso, la detrazione resta però al 65% se le caldaie sono dotate anche di sistemi di termoregolazione evoluti)
  • 65% delle spese sostenute dal 1° gennaio 2018 al 31 dicembre 2019 per l’acquisto e la posa in opera di micro-cogeneratori in sostituzione di impianti esistenti (in caso di risparmio di energia primaria pari almeno al 20%) e fino a un valore massimo delle detrazioni di 100.000 euro; per gli interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di apparecchi ibridi; per l’acquisto e posa in opera di generatori d’aria calda a condensazione.

Nel caso di persone fisiche, enti non commerciali ed esercenti arti e professioni, per l’applicazione dell’aliquota corretta si fa riferimento alla data dell’effettivo pagamento. Quanto alle imprese individuali, alle società e agli enti commerciali, si considera invece la data di ultimazione della prestazione.

Detrazioni maggiori per i condomini

Per gli interventi di riqualificazione energetica di parti comuni degli edifici condominiali si prevedono agevolazioni più corpose. Tale aumento percentuale vale per spese avvenute tra il 1° gennaio 2017 e il 31 dicembre 2021, per un ammontare complessivo non superiore a 40.000 euro moltiplicato per il numero di unità abitative dell’edificio.

Gli interventi che interessano l’involucro dell’edificio con un’incidenza superiore al un quarto della superficie disperdente lorda arrivano infatti al 70%. Addirittura del 75% sono le detrazioni per interventi che migliorano la prestazione energetica conseguendo almeno la qualità media indicata nelle linee guida del Ministero dello Sviluppo Economico.

Ulteriore aumento delle detrazioni si ha, poi, in caso di lavori in edifici appartenenti a zone sismiche e finalizzati alla riduzione del rischio. Si può così usufruire di una detrazione dell’80% in caso di passaggio a una classe di rischio inferiore. Se il passaggio è di due o più classi, la percentuale sale fino all’85%.

In entrambi i casi, il limite massimo di spesa consentito è di 136.000 euro moltiplicato per il numero di unità immobiliari che compongono l’edificio.

Destinatari delle detrazioni

A poter usufruire degli ecobonus sono tutti i contribuenti residenti e non residenti che possiedono a qualsiasi titolo l’immobile oggetto di intervento.

Alle detrazioni sono quindi ammessi le persone fisiche, i contribuenti che conseguono reddito d’impresa, le associazioni tra professionisti e gli enti che non svolgono attività commerciale.

Tra le persone fisiche possono fruire delle detrazioni anche i titolari di un diritto reale sull’immobile, i condòmini (per gli interventi sulle parti comuni condominiali), gli inquilini e coloro che hanno l’immobile in comodato. Inoltre, se sostengono le spese, rientrano anche il familiare convivente con il possessore o il detentore dell’immobile e il convivente more uxorio.

Infine, a partire dal 2018, possono approfittare delle agevolazioni anche le cooperative di abitazione a proprietà indivisa, gli Istituti autonomi per le case popolari e gli enti con le medesime finalità sociali e già operanti dal 31 dicembre 2013.

Altre informazioni

La detrazione per interventi di risparmio energetico non è cumulabile con altre agevolazioni previste per gli stessi interventi da altre disposizioni nazionali. Tuttavia, tale possibilità è invece applicabile con altri incentivi regionali, provinciali o locali, salvo specifiche norme che ne stabiliscano il divieto.

Quanto all’Iva sugli interventi di riqualificazione, questa è del 10% per le prestazioni di servizi relativi a interventi di manutenzione. Per le cessioni di beni, l’aliquota ridotta si applica solo quando la relativa fornitura è posta in essere nell’ambito del contratto di appalto. Se, tuttavia, l’appaltatore fornisce beni di valore significativo, l’aliquota ridotta si applica solo sulla differenza tra l’importo complessivo dell’intervento e quello degli stessi beni significativi.

Per ricevere ulteriori informazioni, è possibile contattare i nostri consulenti compilando il modulo di contatto presente sul sito.

Energia elettrica: 4 modi per risparmiare che non ti saresti aspettato

Ve li ricordate gli hippie californiani degli anni ’60? Per loro l’energia era un bene prezioso e, anche se alle volte il prezzo da pagare erano le ventilate notti oceaniche, rimanevano fedeli alla loro idea: l’energia è sacra! E quanto più ne risparmiamo meglio è!

In quest’ottica, tipicamente green ed etica, pian piano il mondo occidentale ha dovuto fare i conti con una vita sempre più veloce, dove l’etica e il risparmio economico spesso sono frutto della stessa idea, dove risparmiare sui beni che abbiamo, come l’energia elettrica, diventa non solo un dovere ma anche una necessità.

Risparmio però, non fa più rima con mancanza! Negli ultimi anni, infatti, le tecnologie più all’avanguardia e la competenza di esperti del settore, permettono di ottimizzare al meglio i sistemi elettrici, pagando semplicemente il giusto!

Dimenticate cose come: per risparmiare tenete spenta la tv o quando uscite dalla stanza ricordate di spegnere la luce! Certo, attenzioni del genere, in un quadro molto più ampio, risultano fondamentali, ma nel grande, immenso mondo dell’energia nelle imprese, noi di IRE crediamo che dovremmo spingerci più lontano.

energia

Efficientamento energetico? Partiamo dalle lampadine!

Qual è l’oggetto che più si avvicina all’idea di energia? Ma la lampadina, ovviamente! Bene, partiamo proprio dalla lampadina!

Le vecchie lampadine sono poco performanti, durano un anno al massimo e consumano molto. Il segreto? Costano poco!  Le nuove lampadine a LED, invece, costano un po’ di più!

Ma quanto dura una lampadina a LED? Normalmente le lampadine tradizionali durano intorno alle 2000 ore e le fluorescenti 10000 ore. I LED, invece, durano 25000. In pratica una lampadina LED dura quanto 12 lampadine alogene.

Per quanto riguarda i consumi, con una lampadina a LED serviranno solo 500 kW per 50.000 ore di illuminazione, mentre quelle tradizionali consumeranno almeno 1.150 kW.

Immaginate se applicassimo l’efficientamento dell’energia in una scala molto più grande come quello dell’impresa quanto potremmo risparmiare!

Fantastico vero? Il nostro approccio, in fatto di efficientamento dell’energia, è proprio questo: pragmatico e concreto! 

Energia rinnovabile: con un consulente potrai risparmiare!

Sai cosa sono i Certificati Bianchi?

Chiamati anche Titoli di Efficienza Energetica (TEE), attestano il conseguimento di risparmi energetici attraverso l’applicazione di tecnologie e sistemi efficienti. Vengono emessi dal Gestore del Mercato Elettrico (GME) sulla base delle certificazioni dei risparmi conseguiti, effettuate dalle autorità. Un certificato equivale al risparmio di 1 tonnellata equivalente di petrolio.

Per quanto riguarda i Certificati Bianchi, nel 2016 sono arrivate al GSE 12.524 richieste a fronte delle quali il Gestore ha riconosciuto circa 5,5 milioni di TEE, per un risparmio di energia primaria di 1,9 Mtep (milioni di tonnellate equivalenti di petrolio).

L’energia rinnovabile viene incentivata e il cliente risparmia, il tutto nel pieno rispetto dell’ambiente! Non è incredibile? IRE è un passo avanti nel settore! Dall’acquisto dei classici pannelli solari, a metodi innovativi come le microturbine! Risparmiare è etico!

Entrare a far parte del mondo IRE è semplice ed etico! Prova a contattarci e decideremo insieme come risparmiare eticamente sulla tua bolletta!

Credi davvero di saper leggere la bolletta?

Ti sei mai chiesto se paghi effettivamente ciò che consumi? Bene, la risposta a questa domanda spesso si trova nella fattura. Il punto è che leggere la bolletta non è un gioco da ragazzi!

In realtà però, è molto importante conoscere le varie voci presenti nella bolletta della luce, semplicemente perché, in questo modo, possiamo capire più intuitivamente da cosa è costituita la spesa che sosteniamo periodicamente per l’energia e, essere a conoscenza di tutto ciò, ci può aiutare ad ammortizzare i consumi e ad ottimizzare la nostra energia! Vuoi sapere quali sono i primi tre passi per leggere correttamente la tua fattura?

  • Verifica della corretta applicazione dell’offerta economica da parte dell’esercente la vendita;
  • Verifica della corretta applicazione dei corrispettivi del Servizio di Dispacciamento;
  • Verifica della corretta applicazione dei corrispettivi dei Servizi di Rete;

Leggere la fattura e verificare che tutte le applicazioni siano corrette, diventa quindi fondamentale per ottimizzare i costi! Ovviamente, noi di IRE, pensiamo anche a questo!

Spendi troppo? Forse è meglio far controllare le bollette ad un esperto legale

Controllo delle fatture, conoscere l’azienda fin nei piccoli dettagli, affiancarti nei momenti di difficoltà!

Se la tua energia incide pesantemente nel fatturato della tua attività, allora diventa indispensabile affidarti a qualcuno che sappia il fatto suo in fatto di energia!

Quando si gestisce un’attività non è mai semplice star dietro ai mille dettagli della bolletta! L’ammontare delle fatture può diventare importante, ma c’è la concreta possibilità che tu non stia pagando il dovuto.

Conosci davvero le clausole del tuo contratto di fornitura di energia? Ritieni che siano chiare? Sai se sono previste penali ed in quali casi potrebbero essere applicate? Se i costi energetici incidono pesantemente nel fatturato della tua attività, allora diventa indispensabile affidarti a qualcuno che sappia il fatto suo in fatto di energia.

Noi di IRE ti affianchiamo con il nostro ufficio legale e, nel caso esistano presupposti per aprire un contenzioso con il fornitore, difenderemo i tuoi diritti!

In parole povere, noi di IRE, possiamo aiutarti a risparmiare energia, a pagare effettivamente quello che consumi, ad autofinanziare la tua energia, a rispettare l’ambiente e a combattere contro le ingiustizie!

Se ti interessa approfondire il discorso e conoscere meglio il mondo IRE non pensarci due volte, contattaci! Tanto è gratis!